//cdn.iubenda.com/cookie_solution/safemode/iubenda_cs.js Come diventare vigilante non armato - Task Force Service

Come diventare vigilante non armato

 In Blog

Vigilante non armato: chi è e cosa fa

Sono in molti a candidarsi per lavorare come vigilanti non armati per la Task Force Service. Molto spesso, però, non possiedono i requisiti o non sono consapevoli delle caratteristiche che debba avere chi decide di occuparsi della sicurezza di luoghi e persone. Vediamo allora chi è e cosa fa il vigilante non armato.

Di solito lavora per un istituto di vigilanza privata e si occupa principalmente di presidiare e controllare la sicurezza di esercizi commerciali, luoghi aperti al pubblico per finalità di spettacolo e intrattenimento (concerti, festival, manifestazioni culturali) oppure di spazi pubblici usati temporaneamente per eventi privati.

Il suo compito è quello di garantire la sicurezza di persone e beni fisici. Non essendo un pubblico ufficiale, non può usare le armi, ma è tenuto ad allontanare e a bloccare persone moleste o malintenzionati e a chiamare immediatamente le Forze dell’Ordine in caso di situazioni particolarmente gravi che richiedono un intervento diverso.

Nello specifico è obbligato a:

  • verificare preventivamente nel luogo da presidiare la presenza di sostanze illecite o di oggetti pericolosi;
  • controllare gli accessi e verificare l’identità ed eventuali autorizzazioni all’ingresso di cose e persone;
  • verificare che, una volta terminato il passaggio di persone e mezzi, siano rispettate le norme e le disposizioni stabilite in fase di accordo.

Quali sono i requisiti per lavorare come vigilante non armato

Detto ciò, quali sono i requisiti per lavorare come vigilante non armato?

Per lavorare come vigilante non armato è necessario essere iscritti negli elenchi della prefettura competente. In particolare, bisogna:

  • essere maggiorenni e avere l’idoneità psico-fisica (certificata da dichiarazione medica);
  • avere la fedina penale pulita;
  • non far uso di droghe e alcol;
  • non essere sottoposti a misure di prevenzione in base all’art.6 della legge 13 dicembre 1989, n. 401;
  • non far parte di movimenti, associazioni, organizzazioni di cui al decreto legge 26 aprile 1993, n. 122, convertito dalla legge 25 giugno 1993, n. 205;
  • avere il diploma di scuola media inferiore;
  • superare un corso di formazione che introduce alla professione. L’obiettivo del corso è permettere ai futuri vigilanti di svolgere al meglio la loro professione, sapere sempre come comportarsi e come gestire situazioni di panico generale o di emergenza che si potrebbero verificare in caso di eventi pubblici di una certa portata.

Possiedi tutti questi requisiti? Se la risposta è sì, saremo felici di ricevere il tuo curriculum. Puoi inviarlo a questo link

Post recenti
Contattaci

Saremo felici di risponderti

gran galà della moda ostiarubare nei negozi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi